HANC Project

Il progetto HANC, acronimo di “Hackers are not criminals” (www.hancproject.org)
è stato fondato dall’organizzazione no-profit composta da una community di volontari che dal 2003 ha come obiettivo primario la tutela del termine hacker e della relativa cultura.

Spesso i media usano questo termine in maniera scorretta, associando gli hackers a ai criminali informatici. I motivi di ciò sono molteplici: l’hacker viene usato come capro espiatorio ogni qualvolta si parli di reati informatici, rende più sensazionale la notizia.

Oggi HANC lavora per divulgare il vero significato del termine hacker:

Hacker [“hak’èr”, sost. m. inv.]

Persona che si diverte ad esplorare i dettagli dei sistemi di programmazione e come epsandere le loro capacità, a differenza di molti utenti che preferiscono imparare il minimo indispensabile, e a volte nemmeno quello, affidandosi a terzi al primo, banale, problema, senza nemmeno tentare. L’Hacker è curioso, ama il sapere e la culture, ama scoprire e conoscere, sempre cosciente del fatto di non sapere nulla.

Punti della filosofia Hacker:

  1. L’accesso ai computer deve essere libero e completo
  2. L’imperativo della metodologia “hand-on”
  3. L’informazione deve essere libera
  4. Dubitare delle eutorità, promuovere il decentramento
  5. I computer possono cambiare la vita in meglio
  6. Gli hacker sono giudicati in base al proprio operato non in base a razza, sesso, età o posizione sociale

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: